Il pieno il vuoto l' armonia

martedì 20 dicembre 2016


 

                  

                                     Il pieno  il vuoto  l'armonia

 C’è una teoria degna di attenzione sul motivo per cui l’uomo è arrivato nel tempo a colmare quasi tutti gli spazi  materiali e non materiali messi a sua disposizione sulla terra. In origine l’uomo del paleolitico, ha riempito le pareti delle grotte con le sue incisioni rupestri.   

 Colmava un vuoto per difendersi dallo spazio immenso del silenzio e della solitudine del mondo esterno. Aveva la paura del vuoto “E’ l'orrore del vuoto, che spinse l’uomo delle caverne a coprire di segni e disegni le nude superfici delle grotte.

 Nella nostra esistenza quotidiana di oggi, nello stesso modo abbiamo la smania di riempire tutto e non lasciare neppure la più piccola pausa tra le cose, non solo nell'arte, ma anche negli eventi, nei rapporti umani, nei pensieri. Oggi si assiste ad una saturazione di tutti gli spazi vuoti, riempiti e ricolmi. 

 Quale la soluzione?
 La soluzione è tornare ad una pausa naturale direi fisiologica, ad una sospensione tra le cose ad un'intervallo che ci appartiene che fa parte del nostro bagaglio umano. Solo così si potrebbero riacquistare quelle qualità fantastiche oggi in gran parte perdute; solo così l’uomo potrebbe riottenere una diversa modalità di esistenza e trovare una nuova armonia. 
 Acquistare anche una calma della mente  attraverso una pratica della meditazione
Dal libro Artessenza 

Tutti i diritti riservati Copyright                   
sopra  Mosaico Cappella Palatina - Palermo
sotto: 
Paul Klee, Disegni 


Artessenza una proposta su come amare l'arte, la bellezza, l'armonia,la fantasia,  l'umorismo, la creatività, la spiritualità artessenza@copyrights
 
¨¨¨¨¨¨°º©©º°¨¨¨¨¨¨¨¨¨¨¨¨°º©©º°¨¨¨¨¨¨¨¨¨
Benvenuto/a tra queste pagine.

¨¨¨¨¨¨°º©©º°¨¨¨¨¨¨¨¨¨¨¨¨°º©©º°¨¨¨¨¨¨¨¨¨

titolo del libro

titolo del libro
euro 16 pagine 118 da ordinare qui vedi box sotto Fare CLIK sulla foito di copertina

per scrivermi una mail

Nome

Email *

Messaggio *

Critica e bellezza

Il critico è colui che può tradurre in diversa forma o in una nuova sostanza la sua impressione delle cose belle. Tanto le più elevate quanto le più infime forme di critica sono una sorta di autobiografia. Coloro che scorgono brutti significati nelle cose belle sono corrotti senza essere affascinanti. Questo è un errore. Coloro che scorgono bei significati nelle cose belle sono persone colte. Per loro c’è speranza. Essi sono gli eletti: per loro le cose belle significano solo bellezza. Oscar Wilde

“L’uomo reca nell’animo sentimenti innati, che non saranno mai soddisfatti dagli oggetti reali ed è a tali sentimenti innati che la fantasia del pittore e del poeta daranno forma.”

“La novità risiede nello spirito che crea e non nella natura che è dipinta.” Eugène Delacroix

“L’arte scuote dall’anima la polvere accumulata nella vita di tutti i giorni”. Picasso

“La vita abbatte e schiaccia l’anima e l’arte ti ricorda che ne hai una”

“Nell’arte, abbastanza buono è l’ottimo”. Goethe

Per rimanere aggiornato Iscriviti ad Artessenza

come acquistare il libro

Il libro si può ACQUISTARE direttamente QUI
Inviarmi una e mail al box messaggi qui sotto
16 euro + 1,80
di spese spedizione



Edicola dei giornali dove si trova il libro

Edicola dei giornali dove si trova il libro
Roma-Via Adriano Fiori- di fronte al bar femata bus V.Kant 342 .311

Blogger templates

Most Reading

Copyrights

Per gli articoli scritti su questo blog:
Copyrights 2014 non copiare,alterare o trasformare gli articoli in modo parziale o totale, o modificarli. Tutti i diritti riservati

Ammesso il link.

Google+ Followers